Agropoli: MARINANO LA SCUOLA E VINCONO 10MILA EURO AL GRATTA E VINCI

Biglietto-vincente

 Marinano la scuola e vincono 10mila euro al gratta e vinci. E accaduto ad Agropoli, Comune del salernitano. Due studenti, entrambi diciassettenni, residenti a Perdifumo, piccolo centro del Cilento, alle 10.30 avrebbero dovuto sedere sui banchi di scuola; invece, insieme con altri compagni di classe, i due (non un solo studente, come si era appreso in un primo momento) si sono recati nella tabaccheria del signor Francesco Calabrese e hanno acquistato un biglietto del concorso Gratta e vinci Il miliardario, del costo di cinque euro.

continua

<!–

–>

Annunci

fiera del turismo internazionale: Cilento presente

fiera

Le eccellenze salernitane partono alla conquista della Spagna. Inaugurata dal principe delle Asturie Felipe e da sua moglie Leticia il Fitur 2009, una delle fiere del turismo tra le più importanti del mondo, in programma a Madrid

La provincia di Salerno protagonista al Fitur 2009, uno degli appuntamenti di maggiore prestigio del settore turistico. Allevento è presente anche una delegazione delle Fiere di Vallo, presso lo stand istituzionale della Regione Campania, con la mission di promuovere il territorio cilentano, e la sesta edizione della "Borsa verde dei territori rurali europei", in programma a ottobre presso il quartiere fieristico di Vallo della Lucania.


continua

<!–

–>

economia, università analis e apprendimento

tesina6

Processi di crescita dei sistemi economici

È stato in parte pensato anche a Lucca il modello matematico pubblicato sul numero di dicembre della prestigiosa rivista della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, capace di spiegare i processi di crescita dei sistemi economici e, quindi, di interpretarne e, forse, di prevederne le crisi.

continua

Infatti, tra gli autori dello studio, insieme ad un gruppo di fisici della Boston University e ad un economista dell’università di Trento, c’è Fabio Pammolli, direttore di Imt Alti Studi Lucca, il quale, contrariamente alle teorie statistiche ed economiche classiche, sostiene che i sistemi economici più grandi sono molto più instabili della somma di un numero elevato di sistemi di dimensioni inferiori. Come dire che i giganti delleconomia hanno una probabilità elevata di crollare, trascinando con se intere economie.


Università gratis Negli States, lha fondata unitaliano.

«Insegniamo arte, scienza, filosofia, marketing e legge. Lo facciamo gratis». Piero Golia è il fondatore della «The Mountain School of Arts» di Los Angeles, università a costo zero ideata con un suo amico, Eric Wesley.

continua

<!–

–>

10 cose che dovremmo imparare per … vivere bene

2912362979_2327e784a1

10 cose che dovremmo imparare

per vivere bene.


Ecco una piccola ricetta per vivere in questo mondo classificato liquido, postmoderno, post industriale.


Primo prevenire le conseguenze, sembra facile ma non lo è assolutamente.

Secondo consiglio leggere di tutto di più selettivo come vi pare ma farlo.

Terzo consiglio saper distinguere la verità dalla finzione, in ogni campo in ogni ramo sempre ovunque

quarto imparare a simpatizzare ci si nasce ma si può imparare e si possono migliorare gli angoli spigolosi

quinto essere creativi, non fossilizzarsi essere estrosi cercare di scoprire sempre cose nuove e diverse

sesto comunicare con chiarezza, non sempre ci si riesce ma dobbiamo porlo come obiettivo

settimo imparare sempre e comunque cose nuove da tutti senza distinzioni di alcun genere

ottavo stare bene con quello che si ha con quello che si è in ogni luogo con qualsiasi situazione

nono darci valore non sempre lo facciamo

decimo vivere significativamente sempre al massimo ogni momento, sempre, in ogni luogo in ogni tempo.


Ps Non sono idee mie ma le accolgo in pieno. Per correttezza ecco il link

domani riposo, giovedi 29 lo studio sui sistemi economici grandi che possono essere più fragili dei sistemi piccoli: uno studio tutto Italiano
<!–

–>

Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte

mega_485

Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte

Può sembrare tutto facile e connotato da da forti pulsioni automatiche. Generalmente chi spiega il funzionamento del computer si accinge a sostenere dei forti e diretti “premi qui, vai di li, schiaccia questo, schiaccia quello”.

Ma se guardiamo nel profondo saper far funzionare la tecnologia è una forma darte. Nel senso che se ci vogliamo accontentare di schiacciare dei tasti possiamo benissimo farlo, ma se vogliamo creare e far fare alle macchine cose che neanche i progettisti delle stesse avevano pensato dobbiamo improvvisare, insomma dobbiamo creare degli ambienti nuovi: dobbiamo provare il metodo sperimentale del tipo se faccio questo cosa succede.


Così non possiamo solo installare programmi ed usarli ma anche pensare quale utilizzare, decidere come risparmiare e pensare quale può essere il programma più adatto per i nostri scopi.

Non dobbiamo farci trascinare dai modelli più innovativi ma dobbiamo decidere quale è il modello adatto per le nostre esigenze. Io quanto posso utilizzo programmi in licenza gnu software libero, open source

Molte volte utilizzo programmi datati ma che so utilizzare in modo appropriato.

Ad esempio io utilizzo un programma di disegno per creare delle mappe concettuali e non quello realmente costruito per lo scopo.

Quindi sperimentiamo e non abbiamo paura di sbagliare la tecnologia ci permette di fare e disfare.

Ma ricordiamoci far funzionare le nuove tecnologie è una forma darte.


<!–

<rdf:Description rdf:about="http://nunziodigitale.splinder.com/post/19654020&quot;
dc:identifier="http://nunziodigitale.splinder.com/post/19654020&quot;
dc:title="Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte”
dc:subject=”computer, lavoro, internet, metodo, futuro, blogsfera, postmodernismo, rivoluzione digitale, nuove tecnologia, blog cilentano”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/19654020&#8243; />

–>

L’impresa eccezionale è essere normale

L’impresa eccezionale è essere normale.

Come ben scrive il buon Massimo Gramellini su la Stampa di oggi

L’olimpionico di ginnastica Jury Chechi ha respinto le offerte di alcuni «reality», preferendo ritirarsi nelle Marche a gestire un agriturismo. In tempi normali questa sarebbe stata una notizia normale, ai confini del «chissenefrega». Ma questi non sono tempi normali. Questi sono tempi in cui il Grande Fratello italiano ingaggia ex hostess, maggiordomi, non vedenti, tettone. E quello spagnolo una nana, perché per gli addetti al «casting» non conta la persona ma il carattere, inteso come il segno particolare, possibilmente caricaturale, che si porta appresso.

A furia di alzare la dose, è scattata l’assuefazione e i fenomeni da baraccone sono diventati assolutamente banali. Adesso potrebbero anche ingaggiare una nana tettona non vedente, sposata con un maggiordomo trans che prima di cambiare sesso faceva la hostess (presto lo faranno, non disperate). Ma neppure una simile trovata avrebbe la forza innovativa di Chechi che rinuncia a un mucchietto di soldi e a venti copertine assicurate per scomparire in silenzio fra le colline di Ascoli Piceno a raccogliere olive.

Ci avevano insegnato che sui giornali bisogna raccontare l’uomo che morde il cane, ma oggi è il cane che morde l’uomo la vera notizia. Perché in un mondo di esibizionisti violenti e isterici che hanno reso rivoluzionario il buonsenso, essere normali sta diventando qualcosa di eccezionale. “

Essere normali sta diventando sempre più difficile. Forse è per questo motivo che non riusciamo a risolvere problemi della vita quotidiana : siamo solo esseri normali.

<!–

<rdf:Description rdf:about=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/19648021&#8243;
dc:identifier=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/19648021&#8243;
dc:title=”Limpresa eccezionale è essere normale”
dc:subject=”pasolini, gramellini, ungaretti, grande fratello, la stampa, normalit?”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/19648021&#8243; />

–>