rapporto Svimez: zone del cilento potenziali ma inespresse

 In base a una serie di indicatori individuati dalla Svimez per classificare i distretti, la regione Campania si divide in zone con caratteristiche economiche e sociali molto diverse, con aree di crisi più o meno forte che convivono accanto a zone di eccellenza.

Con i suoi oltre 2milioni 200mila abitanti, Napoli è unarea in forte crisi, che traina negativamente tutta la regione. In crisi, caratterizzate da redditi modesti, poche aziende, scarsa offerta di lavoro anche Teano, Castellammare di Stabia, Aversa, Torre del Greco, Lauro, Caserta, Nola, Nocera Inferiore. Accanto, le aree dinamiche, di eccellenza, in crescita, più ricche, con una forte capacità attrattiva, a vocazione soprattutto turistica, come Apice, Ischia, Forio, Sorrento, che non riescono a coinvolgere completamente altre zone con la stessa vocazione, come ad esempio Piedimonte Maltese, Sessa Aurunca, Montesarchio,SantAgata dei Goti, Telese Terme, Agropoli, Amalfi, Camerota, Capaccio, Castellabate, Cava dei Tirreni, Maiori, Sala Consilina, Sapri, Sarno, Teggiano, Vallo della Lucania. Zone, queste, di significative potenzialità turistiche che non riescono però a sfociare in livelli di reddito e occupazione superiori alla media.

Continua

maggiori informazioni

vedi anche qui

<!–

–>

Annunci

One Reply to “rapporto Svimez: zone del cilento potenziali ma inespresse”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...