La battaglia di Lepanto a Massa

L’Associazione Socio- Culturale “ Amici di Nino”, in collaborazione con la Parrocchia di Santa Maria della Vittoria di Massa, il 20 e 21 agosto 2011 presenterà, nella frazione Massa di Vallo della Lucania, la prima edizione della rievocazione storica in costume della Battaglia di Lepanto:

 

 

la più grande battaglia di tutta la storia delle marinerie a remi, combattuta nel golfo di Lepanto il 7 ottobre 1571; da una parte le principali potenze navali cristiane, dall’altra le forze raccolte dai Turchi nei loro domini europei, asiatici e africani. La flotta cristiana era guidata da don Giovanni d’Austria con Marcantonio Colonna in qualità di comandante della flotta pontificia.

 

La battaglia di Lepanto fu molto sanguinosa. Si narra che la flotta cristiana stava quasi per essere sconfitta dai Turchi, ma in suo soccorso intervenne la Madonna che avvolse le navi turche di una fitta nube e favorì con il vento le navi cristiane, che, dopo cinque ore di cruenta battaglia, sconfissero i Turchi capitanati da Selim. Marcantonio Colonna fu tra i più valorosi nella battaglia.

Sua sorella, la duchessa di Monteleone, Donna Gironima Colonna, aveva sposato nel 1570 don Camillo Pignatelli, padrone degli Stati di Novi, di Gioi, di Magliano e di Cuccaro (il matrimonio tra i Pignatelli e i Colonna è documentato in Novi Velia dallo stemma affrescato nella Cappella del Santissimo Sacramento che si trova nella cripta di Santa Maria dei Lombardi, cripta adibita a tomba della famiglia Pignatelli).

 

La testimonianza più importante della battaglia di Lepanto è la Chiesa di Santa Maria della Vittoria in Massa, per la quale il duca don Camillo Pignatelli e la duchessa donna Gironima Colonna donarono, ai Massesi, il suolo dove poi è stata costruita la Chiesa.

La Chiesa fu intitolata a Santa Maria della Vittoria proprio in memoria della strepitosa vittoria riportata dalla flotta cristiana nelle acque di Lepanto. Nell’abside della navata centrale, è visibile l’affresco raffigurante le galee delle due flotte, nonché l’iscrizione con cui i Massesi dedicarono la Chiesa alla Madonna: “Per mezzo tuo fu ottenuta per il mondo la Vittoria, o Vergine Maria, di cui a noi miseri mortali nella tradizione resta finché sia protetta la nostra vita con la vittoria contro il demonio e le sue insidie, Massa con riconoscenza e con gioia questo Tempio dedicò in tuo onore”.

Da allora, ogni anno a Massa, il 7 ottobre si celebra la festa della Madonna della Vittoria.

 

Annunci

In giro per il Cilento…….

Agropoli

Sono ancora molti quelli che non conoscono il parco del Cilento e tutta la zona che va da Agropoli a Sapri. Una zona di mare ma anche di monti, dove il parco naturale del Cilento e Vallo di Diano dominano lo scenario. Un verde intenso fatto di Ulivi ma anche di macchia mediterranea. Ideale per chi cerca vacanze rurali a contatto con la natura, alla scoperta dei prodotti tipici della zona. Ma lo scenario marino non è da meno. Suggeriamo un soggiorno nei mesi di giugno e di luglio quando la calca e il turismo di massa non c'è.

ascea

Così potrete visitare Ascea, Acciaroli, Pisciotta, Palinuro, Marina di Camerota, Scario, Sapri e il Golfo di Policastro. Posti tutti molto diversi tra loro, in cui scogli e insenature, spiagge, porticcioli e paesini fanno da sfondo ad un mare bello, intenso, pulito. Potrete visitare le Grotte intorno Capo Palinuro, raggiungere il faro e soffermarvi a contemplare scenari davvero stupendi. Oppure attestarvi sulle larghe spiagge di Marina di Camerota. Buona cucina e prodotti tipici faranno il resto, conquistandovi anche dal punto di vista culinario. Alberghi, villaggi, campeggi e bed & breakfast sono pronti ad ospitarvi e ad offrire qualunque soluzione in linea con le vostre tasche e le vostre esigenze. Per il resto girate, girate e girate.

pollica

Il Cilento non sarà la Sardegna, non ci sarà l'organizzazione di Porto Cervo, ma forse sono proprio questi ritmi lenti e questi paesi ancora autentici e rurali che conferiscono al Cilento una bellezza tutta particolare. Sicuramente per gli amanti della movida non è proprio il posto ideale, almeno sino alla prima settimana di Agosto. Ma se volete trascorrere qualche serata per locali, anche qui potete scegliere tra il porticciolo di Scario piuttosto che i negozietti di Marina di Camerota, sino alla cittadina di Sapri, vero punto di riferimento della zona, con piazze, concerti ed un vero lungomare.

<!–

–>

Vallo della lucania artista del web nel guinness dei primati

roby

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

E’ un artista e blogger, è un utente di Facebook ed è della provincia di Salerno. Fin qui tutto normale. In realtà, Roberto Esposito è molto di più. Da pochi giorni, infatti, il venticinquenne cilentano ha battuto il record mondiale di commenti ad un singolo post sulla sua pagina Facebook. Il primato è stato finora detenuto dal gioco Cityville con 292.288 commenti, ma Roberto è riuscito ad ottenerne ben 389.141.

 

maggiori informazioni

sito del blogger

 

http://www.robertoesposito.com/2011/03/comunicato-stampa-30032011/

<!–

–>

Cuccaro Vetere: La differenziata in tandem uomo-asino

ciu

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Cuccaro Vetere, via i compattatori: contro la crisi, differenziata con l'asino

In Cilento due ciuchini della Pro loco hanno sostituito i mezzi meccanici per la raccolta porta a porta

Cuccaro Vetere – Che ci fanno due asinelli in giro per le vie di Cuccaro Vetere? La raccolta differenziata. Già, l’asino, da quasi trent’anni protagonista indiscusso del tradizionale «Palio del ciuccio» ora si appresta anche a diventare il simbolo dell’ambientalismo più spinto del piccolo borgo cilentano. Qui, l’amministrazione comunale guidata da Aldo Luongo, qualche mese fa, seguendo consigli del collega Mario Cicero — sindaco di Castelbuono in provincia di Palermo alla ribalta nazionale per gli asinelli utilizzati per la raccolta dei rifiuti — ha pensato che in quelle strette viuzze del centro storico, erano molto più estetici e funzionali i "ciucci"che i camioncini.

Continua

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

<!–

–>

Casalvelino: tra i migliori oli dItalia

DOP

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Nel numero di Novembre 2010 la rivista Gambero Rosso ha selezionato, tra i migliori oli d'Italia, quello dell'Oleificio Pietra Bianca di Casalvelino Marina, in provincia di Salerno, nel Parco Nazionale del Cilento. Per rimarcare la qualità del prodotto nostrano lo hanno classificato come Anteprima 2010 100% italiano fruttato medio poichè, saggiato a pochi giorni dalla spremitura, non poteva avere punteggio.

 

 

E' stato definito una sorta di esperimento ottenuto da olive della varietà Frantoio e Leccino e dagli assaggiatori esperti è stato descritto di colore verde carico; all'olfatto spicca netta la componente vegetale, con sentori di clorofilla, mandorla, carciofo, ma anche di verdura cotta, con una chiusura dolce. All'assaggio si rivela non del tutto equilibrato, poco amaro e molto piccante, con un ritorno verso la nota dolce.

 

 

Maggiori informazioni

 

 

fonte

<!–

<rdf:Description rdf:about="http://nunziodigitale.splinder.com/post/23589724&quot;
dc:identifier="http://nunziodigitale.splinder.com/post/23589724&quot;
dc:title="Casalvelino: tra i migliori oli dItalia”
dc:subject=”cultura, ambiente, campania, biodiversit?, cilento, dieta mediterranea, cultura contadina, cilentani, cilentanit?, ulivo pisciottano, prodotti cilentani, artigiano cilentano, olio doliva cilentano, agricoltura cilento, blog cilentano, cucina cilentana, economia – articoli”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/23589724&#8243; />

–>

Cilento plein air 2010

 

castellabate2

Dal 25 al 27 giugno il Cilento ospiterà l’evento più atteso dell’estate, il raduno camperistico diffuso denominatoCilento plein air, organizzato dall’Ente Provinciale del Turismo di Salerno e dalla rivista specializzata Plein Air.Circa 400 equipaggi provenienti da tutta Italia ed anche dall’estero, si ritroveranno per una “tre giorni” ricca di appuntamenti con visite a siti archeologici e naturalistici. Gli equipaggi saranno ospitati in aree attrezzate predisposte per l’occasione dagli oltre 20 comuni dell’entroterra cilentano, che hanno altresì predisposto un programma mirato per gli ospiti. Da Auletta con il Castello Marchesale a Buccino, paese medievale con il parco archeologico dell’Antica Volcei, città romana risalente al VII secolo a.C. Ed ancora Caselle in Pittari con la grotta di San Michele e l’inghiottitoio del fiume Bussento, il trekking delle Gole del Calore a Felitto. (Fonte Parco Nazionale Cilento e Vallo di Diano)
<!–

–>