la vita reale rispetto alle favole raccontate è un altra cosa

soldi

Prezzi, al Sud aumenti record con l’Euro. Maglia nera alla Calabria

– Studio della Cgia di Mestre: dal 2001 al marzo 2011 la media italiana di incremento dei prezzi è stata del 22,9%. la Calabria è la regione con gli aumenti più elevati (+29,2 %), ultimo posto per la Toscana (+20,2 %) Bortolussi: ”Ma vivere al Nord è molto più costoso che nel Mezzogiorno”. Commercio, vendite in stallo a febbraio. Male gli ipermercati, bene i discount.

– L’introduzione dell’euro ha fatto aumentare i prezzi soprattutto al Sud. Se, dal 2001 al marzo 2011, la media italiana di incremento dei prezzi è stata del 22,9%, la Calabria è la regione che ha subito l’aumento più elevato: +29,2 %. Seguono la Campania, con il +28,2 %, la Sicilia, con il +25,1 % e la Puglia, con il +24,6 %. In coda alla classifica, invece, troviamo il Molise (+20,6%), il Veneto (+20,5%) e, all’ultimo posto, la Toscana (+20,2 %). E’ quanto rileva uno studio della Cgia, ‘associazione degli artigiani di Mestre.

”La maggior crescita dell’inflazione – spiega Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia Mestre – non deve essere confusa con il costo della vita. Vivere al Nord è molto più costoso che nel Mezzogiorno. Altra cosa, invece, e’ analizzare la dinamica inflattiva registrata in un determinato lasso di tempo. Certo, l’euro ha le sue responsabilità, ma riteniamo che la forte impennata registrata al Sud sia legata alla base di partenza dei prezzi che, nel 2001, era molto più bassa nel Mezzogiorno rispetto a quella registrata nel resto del Paese”.

A segnare i rincari maggiori sono state innanzitutto le bevande alcoliche ed i tabacchi. A livello nazionale la crescita è stata del + 54,2%. Altrettanto significativo l’aumento registrato dai costi per la manutenzione della casa e le tariffe dell’acqua e dell’elettricità (+33,6%). Di rilievo anche i rincari registrati nei trasporti (+ 32,6%) e per i prodotti per la cura della persona, le assicurazioni e i servizi finanziari (+31,9%)”.

info

Mutui, la Caritas lancia l’allarme. In difficoltà una famiglia su quattro

L’osservatorio sul credito promosso dall’associazione benefica registra i problemi delle famiglie a pagare il mutuo e le utenze per la casa. E con l’aumento dei tassi la situazione è destinata a peggiorare

Il peso del mutuo è sempre più difficile da sostenere per le famiglie italiane, e sempre più numerose sono quelle che confessano di avere difficoltà a pagare la rata mensile. L’allarme lo lancia questa volta l’osservatorio regionale sul costo del credito promosso dalla Caritas Italiana, in collaborazione con la Fondazione Culturale Responsabilità Etica e il Centro Culturale Francesco Luigi Ferrari. Dallo studio emerge come una famiglia su due si vede costretta a investire circa un terzo del suo reddito nelle spese per la casa, comprensive di affitto, mutuo e bollette di gas e luce. Guardando al prossimo futuro inoltre, la situazione sembra destinata a peggiorare ulteriormente: nel periodo dal 2007 al 2010 l’incidenza della rata del mutuo sui risparmi familiari è calata grazie alla riduzione dei tassi di interesse. Il recente aumento del costo del denaro della Bce, tuttavia, causerà un aumento della rata dopo alcuni anni di tassi ai livelli minimi. Dal 23 percento di famiglie “a rischio”, nel 2011 si tornerà quindi al 25 percento già registrato nel 2007.

I nuclei familiari che potranno avere maggiori difficoltà sono, senza troppe sorprese, le famiglie mononucleari e quelle composte da un adulto e da uno o più figli, con un’età inferiore ai 34 anni, in cui il genitore è lavoratore autonomo oppure senza un’occupazione.

Per quanto riguarda invece la distribuzione geografica, i numeri forniti dalla Caritas identificano come più a rischio le famiglie che abitano in Liguria, Abruzzo, Molise, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna. Escludendo le regioni colpite dal terremoto come l’Abruzzo e, in parte, il Molise, sono un po’ sorpresa le zone del nord più produttive a registrare un netto peggioramento della situazione economica.

La situazione è ancora peggiore tuttavia per le famiglie che vivono in affitto, che soffriranno della combinazione tra il peggioramento delle condizioni economiche e l’aumento dei tassi di interesse. Secondo la Caritas la percentuale di famiglie a rischio tra quelle in affitto oscilla tra il 67 e il 68 percento, valori quasi tripli rispetto alle famiglie proprietarie di un’abitazione.

Info

<!–

<rdf:Description rdf:about=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/24477540&#8243;
dc:identifier=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/24477540&#8243;
dc:title=”la vita reale rispetto alle favole raccontate è unaltra cosa”
dc:subject=”commenti, blogsfera, commento, emergenze, bolla virtuale, blog cilentano, economia – articoli”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/24477540&#8243; />

–>

Parco: biblioteca digitale

Una biblioteca digitale per il Parco Cilento

Stanziati dalla Regione Campania 300mila euro
per mettere in rete i 20mila volumi della biblioteca

Una biblioteca

Una biblioteca

 

SALERNO – Nasce la prima biblioteca digitalizzata di un parco nazionale. La Regione Campania ha stanziato 300mila euro per la digitalizzazione e la messa in rete della biblioteca del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. I 20mila volumi della biblioteca, custoditi presso la Fondazione Gian Battista Vico di Vatolla, nel Cilento, verranno infatti scannerizzati e salvati su un supporto multimediale per poi essere messi in rete a disposizione di ricercatori e appassionati di tutto il mondo. Ai volumi della biblioteca del Parco, in particolare specializzata nelle materie ambientale, si uniranno quelli della Fondazione Vico con i suoi preziosi testi antichi di filosofia vichiana.

UN PASSO VERSO LA RICERCA – «È un altro passo per la divulgazione della ricerca e degli studi sulla biodiversità del Parco – ha commentato il presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Amilcare Troiano – Siamo il primo parco nazionale italiano a poter vantare una biblioteca digitale. Servirà anche per valorizzare un territorio meraviglioso». «Un parco non ha solo il compito di tutelare il territorio e la sua biodiversità – ha aggiunto Vincenzo Pepe, presidente della Fondazione Vico – ma anche quello di tutelare la cultura, in quanto essa significa anche identità». (fonte Ansa)

<!–

–>

Vi Offro un caffè

p { margin-bottom: 0.21cm; }

Ogni riferimento alla situazione attuale è puramente casuale

(ps il film "Liquirizia" da cui è tratto il brano è del 1979)

<!–

–>

Cilento a Cavallo sulle tracce dei briganti

cervati

“Sulle tracce del brigante Tardio” ripercorre vecchi sentieri in quota nel comprensorio del Cervati, dominio del fuorilegge, attraversando le pendici del monte Raralunga con le sue spettacolari faggete.

 

 

Il trekking "Sulle tracce del brigante Tardio" si svolge in tre giornate e attraversa il territorio del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Il Brigante Tardio, originario di Piaggine ma vissuto a Campora, è ricordato come un personaggio colto. Partendo dal Vallo di Diano e ripercorrendo i vecchi sentieri in questa tappa si raggiungeranno le zone del comprensorio del Cervati, nei punti e luoghi esatti di dominio di Tardio, in particolare le zone del Monte Raralunga, a quota 1.400 metri sul livello del mare, dove le spettacolari faggete e le grotte hanno rappresentato il nascondiglio ideale del fuorilegge.

 

Particolare punto di transito del trekking è, in località Croce di Pruno, il crocevia di passaggio dov'è ancora visibile "l'appostaturo", il punto di agguato, del brigante. In questi luoghi, presso un vecchio rifugio forestale ristrutturato, punto di ristoro e riparo per gli storici frequentatori della montagna che oggi ben si presta a una gradevole permanenza, è previsto l'arrivo della prima tappa. Ripercorrendo vecchie vie di collegamento il trekking proseguirà sull'altopiano del Monte Vesole per ammirare i panorami della Costiera Cilentana fino a raggiungere la meta nella città antica di Paestum.

 

Per maggiori informazioni

<!–

–>

recensione Avatar Il mondo nel 2154

Schermata

 

Avatar film 2009


Quale migliore serata andare al cinema. Così tutta la famiglia è andata a vedere Avatar. Il film dalla tecnologia fantastica e dal marketing spinto al massimo.

Naturalmente non è stato possibile vederlo nel formato 3d che sta spopolando ma nel più semplice e collaudato 2d altezza per lunghezza.


Della trama non parlerò per non guastare il mistero. Che dire il film è molto forte, con immagini velocissime, e a volte difficili da comprendere al volo, ha dalla sua una spettacolarizzazione particolare e una eccessività in tutto. I cattivi sono troppo cattivi, i tempi veloci, la trama debole ma efficace, un film per tutta la famiglia non direi; mio figlio decenne ha detto "un film molto americano". Certo, bisogna vederlo perchè come tutte le cose del mondo se lhanno pensato….. un giorno le vivremo.

Speriamo solo che in futuro ……… risulteremo più umani, altrimenti stiamo freschi!!!


http://www.avatarilfilm.it/

<!–

–>

Lustrini, nastrini, ricamini luccichini.

glitterMAIN

Attenzione questo è un post polemico.

 

Il titolo mi è stato suggerito da un dialogo avvenuto con una persona unica, studentessa universitaria, con la testa al posto giusto: sul collo, persona che non si fa incantare dai cosiddetti lustrini, nastrini ricamini, luccichini. Il ragionamento è il seguente: oggi più che al contenuto dedichiamo il nostro tempo a rincorrere i lustrini che avvolgono il regalo, i luccichini che contornano lavvenimento, dimostriamo interesse ai ricamini più che alloggetto che acquistiamo. Ci facciamo incantare dal tipo di lustrino che avvolge il nostro tesoro. E molte volte, il nastrino applicato ci devia, ad un punto tale, da non riuscire più a comprendere cosa volevamo fare. Volete un esempio pratico? Prendete i cellulari oggi. A volte trovate dei mezzi bellissimi pieni di funzioni che …. stentano a telefonare in modo serio e preciso. Ovvero un mezzo nato per fare unazione ben precisa, ovvero comunicare con gli altri in modo semplice e veloce, fa tutte altre azioni sì importanti come fotografie, video, messaggi, giochi, ed altro ma non sa telefonare decentemente.Tweety-Glitter

Quindi viva i nastrini ma con moderazione.

Cosa ne pensate? scrivetemi

 

<!–

–>