In giro per il Cilento…….

Agropoli

Sono ancora molti quelli che non conoscono il parco del Cilento e tutta la zona che va da Agropoli a Sapri. Una zona di mare ma anche di monti, dove il parco naturale del Cilento e Vallo di Diano dominano lo scenario. Un verde intenso fatto di Ulivi ma anche di macchia mediterranea. Ideale per chi cerca vacanze rurali a contatto con la natura, alla scoperta dei prodotti tipici della zona. Ma lo scenario marino non è da meno. Suggeriamo un soggiorno nei mesi di giugno e di luglio quando la calca e il turismo di massa non c'è.

ascea

Così potrete visitare Ascea, Acciaroli, Pisciotta, Palinuro, Marina di Camerota, Scario, Sapri e il Golfo di Policastro. Posti tutti molto diversi tra loro, in cui scogli e insenature, spiagge, porticcioli e paesini fanno da sfondo ad un mare bello, intenso, pulito. Potrete visitare le Grotte intorno Capo Palinuro, raggiungere il faro e soffermarvi a contemplare scenari davvero stupendi. Oppure attestarvi sulle larghe spiagge di Marina di Camerota. Buona cucina e prodotti tipici faranno il resto, conquistandovi anche dal punto di vista culinario. Alberghi, villaggi, campeggi e bed & breakfast sono pronti ad ospitarvi e ad offrire qualunque soluzione in linea con le vostre tasche e le vostre esigenze. Per il resto girate, girate e girate.

pollica

Il Cilento non sarà la Sardegna, non ci sarà l'organizzazione di Porto Cervo, ma forse sono proprio questi ritmi lenti e questi paesi ancora autentici e rurali che conferiscono al Cilento una bellezza tutta particolare. Sicuramente per gli amanti della movida non è proprio il posto ideale, almeno sino alla prima settimana di Agosto. Ma se volete trascorrere qualche serata per locali, anche qui potete scegliere tra il porticciolo di Scario piuttosto che i negozietti di Marina di Camerota, sino alla cittadina di Sapri, vero punto di riferimento della zona, con piazze, concerti ed un vero lungomare.

<!–

–>

Cuccaro Vetere: La differenziata in tandem uomo-asino

ciu

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Cuccaro Vetere, via i compattatori: contro la crisi, differenziata con l'asino

In Cilento due ciuchini della Pro loco hanno sostituito i mezzi meccanici per la raccolta porta a porta

Cuccaro Vetere – Che ci fanno due asinelli in giro per le vie di Cuccaro Vetere? La raccolta differenziata. Già, l’asino, da quasi trent’anni protagonista indiscusso del tradizionale «Palio del ciuccio» ora si appresta anche a diventare il simbolo dell’ambientalismo più spinto del piccolo borgo cilentano. Qui, l’amministrazione comunale guidata da Aldo Luongo, qualche mese fa, seguendo consigli del collega Mario Cicero — sindaco di Castelbuono in provincia di Palermo alla ribalta nazionale per gli asinelli utilizzati per la raccolta dei rifiuti — ha pensato che in quelle strette viuzze del centro storico, erano molto più estetici e funzionali i "ciucci"che i camioncini.

Continua

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

<!–

–>

Redditi 2007 provincia di Salerno: comuni del Cilento

soldi


Il Sole 24 ore giornale di confindustria ha stilato la classifica e { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
–>

dei redditi degli italiani al 2007 rispetto ai redditi del 1999.

 

Interessanti i risultati: la ricchezza si concentra in Italia nel Nord-Ovest del paese e in particolare in Lombardia e in Valle dAosta.

IN Lombardia si ha un reddito per contribuente medio di 20.000 euro

Analizziamo i risultati nel Cilento e nella provincia di Salerno, la provincia di Salerno conta 158 comuni.

Al primo posto cè Salerno città con 17.831 euro procapite. La divisione per numero di comuni  redditi e la seguente:

reddito numero di comuni
tra i 18.000 e i 12.000 14
tra i 12.000 e i 10.000 28
tra i 10.000 e 8.000 50
Tra 8.000 e 6.000 56
Da 6.000 in giù 10
 

Abbiamo Vallo della Lucania con 14.204 euro procapite di reddito seguito Sapri con  13.160 euro e  Agropoli con 12.865 euro. Da notare il folto numero di comuni che dichiarano da 8.000 a 6.000 euro di reddito annui per contribuente per esattezza 56 comuni su 158 della provincia di Salerno, nellultima fascia meno di 6.000 euro sono 10 comuni con un reddito  inferiore a 6.000 euro allanno vuol dire meno di 500 euro al mese.


Tra i comuni cilentani che hanno tra 11.000 e 6.000 euro di reddito spiccano:

Cuccaro Vetere (10.285), Ascea (10.037), Ogliastro Cilento (10.035), Pollica, Laurito e Torre Orsaia si situano in torno ai 9.900 euro, mentre Casalvelino Castellabate Pertosa e Pisciotta si orientano intorno ai 9.000 euro, Stio Cilento, Ceraso e Rutino sono intorno agli 8.000 euro, con 7.000 euro annui ricordiamo Campora Perdifumo, Cannalonga, al di sotto dei 6.000 euro abbiamo i comuni di Morigerati(6.265) , Rofrano, Casaletto Spartano(5.567).


Ultima annotazione il reddito medio nella provincia di Salerno è di 8.829 euro e su 158 comuni 116 vivono con meno di 10.000 euro procapite di reddito ovvero con un reddito mensile di circa 800,00 euro (il 73 per cento degli abitanti dei i comuni salernitani dichiara meno di 10.000 euro annui).


Paragonati ai comuni di Ayas (Aosta) con 66.000 euro annui, Basiglio e Cusano milanese (Milano) rispettivamente con 45.732, e 36.914 euro di reddito procapite a testa una miseria.

(elaborazione su dati sole 24 ore consultati giorni 21 luglio 2008 dalla redazione di nunziodigitale)


qui lelenco completo della provincia di Salernoredditi salerno

<!–

–>

Cuccaro Vetere: XXVI edizione del palio del Ciuccio

IMG_0726

Palio del Ciuccio a Cuccaro Vetere

E iniziato martedì 12 agosto 2008, a Cuccaro Vetere (Sa), con l’inaugurazione del “Ciuccio Village”, la XXVI edizione del “Palio del Ciuccio”, il tradizionale appuntamento che rievoca le tradizioni della vita contadina del Cilento di inizio del secolo scorso. Il “Palio del Ciuccio” terminerà giovedì, 14 agosto 2008

continua

 

maggiori informazioni

<!–

–>