segreto cilentano

Secondo i ricercatori dell’Università di Roma “La Sapienza” e dell’Università della California, un abitante su ogni 60 di Acciaroli ha almeno 90 anni.

La notizia è apparsa qui

http://www.ondanews.it/cilento-ed-segreto-della-longevita-al-jazeera-punta-riflettori-sui-centenari-del-posto/

e inoltre qui

https://www.infocilento.it/2017/04/18/anche-al-jazeera-punta-riflettori-sui-centenari-del-cilento/#null

“Qual è il segreto dei centenari cilentani? Forse la dieta? Forse i prodotti locali e freschi? Le erbe, l’aria o la comunità?”, si chiede Al Jazeera.

Lo stile di vita sano dei cilentani è diventato, dunque, un fenomeno internazionale che continua ad affascinare ed incuriosire.

Centenari cilento cilentani

Annunci

presentazione del programma Taranta med 2016

13092059_1716746945261146_1848921091403886848_n

Sabato 7 maggio Si è svolto presso l’ex convento dei domenicani A Vallo della Lucania la presentazione della manifestazione TARANTA MED festival di musica popolare.

Organizzata dalla Associazione Martiri Riccio di Cardile la manifestazione avverrà nei giorni 12 13 e 14 agosto a Cardile frazione di Gioi.

Dopo i saluti di rito da parte del presidente della associazione Martiri Riccio il dottore Angelo Rizzo che ha ricordato l’integrazione fra la taranta salentina e la tradizione cilentana, la parola è passata al dottore Alfonso Andria, presidente del Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, il quale ha rivisitato il concetto che il mare Mediterraneo ha il compito di travalicare i confini nazionale come lo è stato nei millenni passati, poichè via naturale di scambi tra il Nord Africa, le coste dell’Asia e l’Europa del sud ovvero iil sud Italia. Ha ricordato inoltre l’importanza della dieta mediterranea non solo come dieta da rispettate ma anche come stile di vita sano. Il sindaco di Gioi il Dottor Andrea Salati ha ringraziato per il gemellaggio che avverrà e che porterà sicuramente vantaggi di tutti i generi al piccolo comune cilentano. Il preside del locale liceo classico e musicale Parmenide il professore Francesco Massanova ha ricordato l’importanza della musica come linguaggio di comunicazione universale tra popoli diversi, l’importanza della musica non strutturata ma momento forte di aggregazione non solo di tipo economico.

Il direttore del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, L’ingegnare Angelo de Vita, ha ricordato i protocolli di intensa che già sono stati firmati con i Parchi del Pollino, dell’Aspromonte e lucano per difendere e conservare la biodiversità.

Il presidente della Fondazione Alario per Eelea-Velia, l’avvocato Marcello D’Aiuto ha ricordato la mancanza di partecipazione tra enti che sono situati sul territorio e l’importanza di capire e comprendere il vero significato delle tradizioni locali volano per l’attuale economica appiattita ad una non meglio non identificata cultura moderna e quindi priva di carisma. L’avvocato Valerio Rizzo presidente della comunità montana Gelbison e Cervati e vice sindaco del Comune di Gioi ha espresso il suo augurio affinché il territorio tutto del Cilento si riappropri della sua identità e che l’iniziativa non sia solo una manifestazione a carattere ricreativo ma anche una occasione culturale d antropologica affinché le persone del luogo prendano coscienza delle proprie radici.

L’intervento del filosofo Pierpaolo De Giorgi, nonché etnomusicologo poeta e voce dei tamburellisti di Torrepaduli è stato improntato tutto sulla storia del tamburello musicale, sul modello culturale italiano da seguire, sulla armonia tra musica e cultura, sul ritorno al pensiero di Parmenide unica vera avanguardia assoluta mondiale, sul pensiero armonico unica armonia valida che rispecchia nel suo riflusso il procedere del mare e delle maree. Il professore Vincenzo Esposito antropologo dell’università di Salerno ha ricordato i fondamenti dell’antropologia ovvero il metodo utilizzato che il racconto dell’esperienza attraverso i sensi e che quindi viene fatta esclusivamente sul campo. Ha concluso il suo discorso accomunando il mediterraneo antico come via di incontro antico agli incontri con il desiderio di incontrarci anche con le nostre diversità e di ricordare la nostra appartenenza all’umanità intera ovvero la nostra medesima identità. Ha rievocato inoltre la nostra duplice appartenenza all’ethnos ovvero al gruppo culturale in cui ci identifichiamo e all’antropos ovvero uomo capace di essere trasgressivo e distintivo dal gruppo.

Ha citato inoltre i riti del Cilento ovvero l’ascensione in processione sul monte Stella e sul monte Gelbison, i riti pasquali delle confraternite nella settimana santa, e il rito del volo dell’angelo come parte della cultura cilentana ed integrati bene sia con il territorio che con i suoi abitanti che con gli abitanti degli altri paesi e del sud Italia.

Il dottore Gianfranco Siano etnomusicologo e promotore del progetto Rotumbè si è soffermato sull’utilizzo degli strumenti utili per la taranta cilentana come la chitarra battente e sulle ricerca che sono state effettuate sulle sonorità nascoste e su quelle che uniscono l’Africa che si affaccia al Mediterraneo e le coste dell’Asia, sulla conoscenza dell’endecasillabo sulla sua ritmicità e sulla consapevolezza che questi suoni e questi canti sono la nostra ricchezza ed il nostro passato ma soprattutto la nostra cultura.

Parco: biblioteca digitale

Una biblioteca digitale per il Parco Cilento

Stanziati dalla Regione Campania 300mila euro
per mettere in rete i 20mila volumi della biblioteca

Una biblioteca

Una biblioteca

 

SALERNO – Nasce la prima biblioteca digitalizzata di un parco nazionale. La Regione Campania ha stanziato 300mila euro per la digitalizzazione e la messa in rete della biblioteca del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. I 20mila volumi della biblioteca, custoditi presso la Fondazione Gian Battista Vico di Vatolla, nel Cilento, verranno infatti scannerizzati e salvati su un supporto multimediale per poi essere messi in rete a disposizione di ricercatori e appassionati di tutto il mondo. Ai volumi della biblioteca del Parco, in particolare specializzata nelle materie ambientale, si uniranno quelli della Fondazione Vico con i suoi preziosi testi antichi di filosofia vichiana.

UN PASSO VERSO LA RICERCA – «È un altro passo per la divulgazione della ricerca e degli studi sulla biodiversità del Parco – ha commentato il presidente del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Amilcare Troiano – Siamo il primo parco nazionale italiano a poter vantare una biblioteca digitale. Servirà anche per valorizzare un territorio meraviglioso». «Un parco non ha solo il compito di tutelare il territorio e la sua biodiversità – ha aggiunto Vincenzo Pepe, presidente della Fondazione Vico – ma anche quello di tutelare la cultura, in quanto essa significa anche identità». (fonte Ansa)

<!–

–>

Casalvelino: tra i migliori oli dItalia

DOP

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

Nel numero di Novembre 2010 la rivista Gambero Rosso ha selezionato, tra i migliori oli d'Italia, quello dell'Oleificio Pietra Bianca di Casalvelino Marina, in provincia di Salerno, nel Parco Nazionale del Cilento. Per rimarcare la qualità del prodotto nostrano lo hanno classificato come Anteprima 2010 100% italiano fruttato medio poichè, saggiato a pochi giorni dalla spremitura, non poteva avere punteggio.

 

 

E' stato definito una sorta di esperimento ottenuto da olive della varietà Frantoio e Leccino e dagli assaggiatori esperti è stato descritto di colore verde carico; all'olfatto spicca netta la componente vegetale, con sentori di clorofilla, mandorla, carciofo, ma anche di verdura cotta, con una chiusura dolce. All'assaggio si rivela non del tutto equilibrato, poco amaro e molto piccante, con un ritorno verso la nota dolce.

 

 

Maggiori informazioni

 

 

fonte

<!–

<rdf:Description rdf:about="http://nunziodigitale.splinder.com/post/23589724&quot;
dc:identifier="http://nunziodigitale.splinder.com/post/23589724&quot;
dc:title="Casalvelino: tra i migliori oli dItalia”
dc:subject=”cultura, ambiente, campania, biodiversit?, cilento, dieta mediterranea, cultura contadina, cilentani, cilentanit?, ulivo pisciottano, prodotti cilentani, artigiano cilentano, olio doliva cilentano, agricoltura cilento, blog cilentano, cucina cilentana, economia – articoli”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/23589724&#8243; />

–>

vallo: finestra jazz 2010

Finestra_jazz_logo

La rassegna internazionale Finestra jazz, alla sua nona edizione, torna dal 28 Agosto al 1 settembre a Vallo della Lucania. Di seguito il calendario delle serate.

 

28 agosto 2010 – Danilo Rea Trio

Sgt. Papper’s lonely hearts club band – Tribute The Beatles

Piazzetta Pinto – ore 21.30

 

29 agosto – Biseo-Sanjust Quartet

Evergreens – Napoli swing

Piazzetta Pinto – ore 21.30

 

30 agosto – James Senese

James Senese e Napoli Centrale

Piazza S. Caterina – ore 21.30

 

31 agosto – PFM in Concerto

Progetto Emozioni di un viaggio – EPT Salerno

Piazza Vittorio Emanuele – ore 22.00

 

1 settembre – Eddy Palermo Trio

Eddy Palermo Samba Jazz Trio Guest Ondina Sannino

Piazzetta Spio – ore 21.30  

Finestra_jazz_logo
<!–

–>

Liberi, prigionieri, genuflessi

prono

mendicante e cane sul Ponte San Carlo, Praga. 

 

Liberi prigionieri e genuflessi (1 parte)

L'ispirazione mi è venuta leggendo questo articolo

in cui il politologo internazionale ci descrive una categoria importante della vita italiana i genuflessi.

 

La categoria è in costante aumento e alla fine non c'è stato periodo storico dove non sia esistita e prolificata.

 

Ma oggi è deludente vedere scene di genuflessi, vere schiere squadroni che in nome di un non meglio specificato interesse lavano i pavimenti con il pantalone e dicono sempre sì.

Ma la domanda che mi ronzava nella testa era un'altra: quale è il contrario di genuflesso. E lì facilmente sono arrivato a libero di pensare, di sbagliare di essere fuori dal coro. Solo che anche se sono arrivato subito alle conclusioni più difficile è praticare la strada della libertà. Bisogna avere una montagna di “attrezzi” di cui oggi non disponiamo. Ne cito alcuni : di tempo,

di conoscenze di strumenti utili per applicarla, di soldi, di amicizie.

 

Il tempo è necessario per informarci per non farci prendere in giro dalla pubblicità, bisogna provare i prodotti, testare la validità di quello che ci promettono.

La conoscenza è utile per non perdere tempo e risolvere i problemi che si profilano davanti a noi velocemente brillantemente e al meglio.

Gli strumenti utili non devono essere ne troppi deboli ne troppo costosi esosi e complicati da utilizzare altrimenti non li utilizziamo, li utilizziamo male o non li utilizziamo proprio.

I soldi sono necessari per trovare nuove strade non esplorate, mentre le amicizie sono utili per sopravvivere e per utilizzare le loro informazioni e consigli.

 

Naturalmente la sensazione di essere liberi di poter pensare di esprimere il proprio pensiero e di poterlo comunicare agli altri anche se sono in completo disaccordo con voi non ha prezzo.

 

 

nella seconda parte nei giorni prossimi proverò a scrivere dei prigionieri.

<!–

–>