Cilento: I progetti Gal della Ruralità Mediterranea arrivano in Germania

rurale

Cilento: I progetti Gal della Ruralità Mediterranea arrivano in Germania

Nei giorni 10 e 11 giugno p.v. nella Kulturbrauerei di Berlino, la Campania rurale si presenta con una due giorni di degustazioni, un concerto di musica popolare e un mercatino all´aperto. Così la Ruralità Mediterranea con la presentaizone del Cilento arrivano nell’ex birrificio e centro culturale della capitale. L´iniziativa, battezzata “Ruralita´ Mediterranea”, vuole far conoscere angoli nascosti e i sapori tipici della Regione, i gusti di una terra che presenta oltre di 300 prodotti gastronomici tradizionali, come il caciocavallo podolico e l´olio del Cilento. continua

<!–

–>

Annunci

le illusioni del controllo


Questo è il dialogo del film animato Kung Fu Panda del 2008.

Si svolge tra il maestro Oogway e il maestro Shifu presso il Sacro Pesco della Saggezza Divina.

Il primo maestro ha indicato come capace di sconfiggere il temibile Tai Lung il goffo Panda caduto dal cielo, il secondo è scettico perché il panda non ha la forza, il coraggio, la velocità, la destrezza necessari per limpresa.

La saggia tartaruga risponde che sono solo illusioni del controllo.


ecco il dialogo

Oogway: Mio vecchio amico,il panda non adempirà mai al suo destino, ne tu al tuo, finchè non rinuncerete allillusione del controllo.

Shifu:Illusione?

Oogway: Si! Guarda questalbero Shifu, non posso farlo fiorire quando mi aggrada,ne farlo fruttificare prima del suo tempo…

Shifu:Ma delle cose le possiamo controllare! Posso controllare quando cade la frutta e posso controllare dove piantare il seme…Questa non è un illusione, maestro!

Oogway: Ehh sì…ma qualunque cosa tu faccia, quel seme crescerà e diventerà un pesco, magari tu desideri un melo o un arancio…ma otterrai un pesco!

Shifu:Ma un pesco..Non puoi sconfiggere Tai Lung!

Oogway: Può darsi di si…Se sei disposto a guidarlo…A nutrirlo…A credere in lui…

[…]

Oogway: Promettimelo Shifu…Promettimi che crederai.


Oogway: Ieri è storia, domani è un mistero, ma oggi… è un dono. Per questo si chiama presente.


Oogway: Spesso ci si imbatte nel nostro destino proprio lungo la strada per evitarlo.

OOgway: 

La vera via della vittoria è scoprire la debolezza del tuo avversario e far si che egli soffra per essa. Prendere la sua forza e usarla contro di lui, finchè egli non cade…o molla

 

 

 

Tu che spesso non ti accorgi di quello che sai fare perché sei troppo occupato a guardare quello che non sai fare. Tu cui tutti dicono che non sei adatto per fare una cosa solo perché la fai in maniera diversa dallo standard. Tu che ti vedi troppo diverso dagli altri e che quindi pensi di non poter fare quello che fanno loro. Tu che non appena capisci quel è il mezzo giusto riesci a trovare la forza per superare le tue paure e i tuoi indugiare. Tu che devi capire che i difetti possono essere le tue carte migliori. Basti tu.


 

<!–

–>

Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte

mega_485

Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte

Può sembrare tutto facile e connotato da da forti pulsioni automatiche. Generalmente chi spiega il funzionamento del computer si accinge a sostenere dei forti e diretti “premi qui, vai di li, schiaccia questo, schiaccia quello”.

Ma se guardiamo nel profondo saper far funzionare la tecnologia è una forma darte. Nel senso che se ci vogliamo accontentare di schiacciare dei tasti possiamo benissimo farlo, ma se vogliamo creare e far fare alle macchine cose che neanche i progettisti delle stesse avevano pensato dobbiamo improvvisare, insomma dobbiamo creare degli ambienti nuovi: dobbiamo provare il metodo sperimentale del tipo se faccio questo cosa succede.


Così non possiamo solo installare programmi ed usarli ma anche pensare quale utilizzare, decidere come risparmiare e pensare quale può essere il programma più adatto per i nostri scopi.

Non dobbiamo farci trascinare dai modelli più innovativi ma dobbiamo decidere quale è il modello adatto per le nostre esigenze. Io quanto posso utilizzo programmi in licenza gnu software libero, open source

Molte volte utilizzo programmi datati ma che so utilizzare in modo appropriato.

Ad esempio io utilizzo un programma di disegno per creare delle mappe concettuali e non quello realmente costruito per lo scopo.

Quindi sperimentiamo e non abbiamo paura di sbagliare la tecnologia ci permette di fare e disfare.

Ma ricordiamoci far funzionare le nuove tecnologie è una forma darte.


<!–

<rdf:Description rdf:about="http://nunziodigitale.splinder.com/post/19654020&quot;
dc:identifier="http://nunziodigitale.splinder.com/post/19654020&quot;
dc:title="Saper far funzionare la tecnologia è una forma darte”
dc:subject=”computer, lavoro, internet, metodo, futuro, blogsfera, postmodernismo, rivoluzione digitale, nuove tecnologia, blog cilentano”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/19654020&#8243; />

–>

chip elettronico che ripara il computer in 5 minuti

http://link.rai.it/x/vod/tgr/rubriche/08dic/asx/2008120916063909_12_2008_neapolis.asx

 

 

Nasce a Salerno per risolvere in breve tempo i problemi di cattivo funzionamento dei computer e dei sistemi informatici in genere, l’invenzione di Donato Pace e Marco Trucillo: Sbiancamento.


Un chip elettronico in grado di riparare in pochi minuti, senza l’aiuto di un esperto, il proprio computer. Basta inserirlo nella porta Usb per individuare e risolvere i problemi legati agli hard-disk, alle memorie ed all’hardware in generale, ripulendo il sistema dai virus e dalle installazioni selvagge di programmi e aggiornamenti che troppo spesso rallentano la produttività dei computer. Intervista Donato Pace – inventore Sbiancamento. Il chip Sbiancamento non è un software, quindi non è legato alla partenza di un sistema operativo che potrebbe non avviarsi in modo regolare, ma un firmware, un’entità a parte non influenzabile da cause esterne, in grado di autoripararsi in caso danneggiamento e in grado di fare test approfonditi su tutti i componenti del computer ed di inviduarne in tempo reale i difetti.

continua

sito dei costruttori

info

<!–

–>

Passato, presente futuro

lucia

Il futuro


Spesso ascolto grandi luminari della scienza. Sia per diletto che per studio.

Non sempre riesco a capire tutto perchè oggi la scienza è alquanto settoriale, molto parcellizzata, iperspecializzata.

Quello che ho notato non è stata la bravura nellarte della retorica dei personaggi più o meno illustri, della cadenza e tutte quelle diavolerie di cui soprattuto noi italiani siamo maestri e fini concettisti, o gli abbellimenti e gli orpelli che inseriamo nel discorso, ma soprattutto il tempo dei discorsi: vi sono illustri che parlano esclusivamente al passato e che spiegano tutto al passato, vi sono persone che osano di più parlano o del presente o addirittura del futuro.

Non sto dicendo che è negativo parlare del passato ma intravedo una forma di chiusura verso il mondo,di profezia quasi di discorso di sottofondo nel quale si accenta soprattutto il tema questa è la via maestra.

Iin altri noto una funzione di tempo diversa alcuni parlano solo al futuro un giorno farò………. .

Anche li è difficile avere le idee chiare ma vedo una ventata di fresco, la voglia di mettersi in gioco di costruire qualcosa.

Forse (ma non ho certezze) meglio vivere nel presente e pensare al futuro avendo però le spalle ben coperte dalla preparazione e dalla voglia di vivere…..altronde Obama docet: il suo sogno è diventato realtà.

<!–

–>