scuola medica salernitana

printLa più famosa delle "medichesse" medievali, prima donna ginecologa della storia, Trotula, o Trota De Ruggiero, nacque a Salerno, prima donna della storia laureata presso la scuola medica salernitana

Rinasce la scuola medica salernitana, chiusa con il decreto del 19 novembre 1811 firmato del re di Napoli Gioacchino Murat. La legge ottocentesca intendeva riconoscere solo alla prestigiosa Università di Napoli la facoltà di emettere diplomi di laurea in medicina. Ora con la firma odierna del protocollo d’intesa per la costituzione dell’Azienda Ospedaliera integrata con l’Università San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, Salerno avrà di nuovo la sua scuola di medicina. L’intesa è stata sottoscritta dal presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, dal rettore dell’Università degli Studi di Salerno Raimondo Pasquino e dal direttore generale dell’Azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona Attilio Antonio Montano Bianchi.


continua

post versione audio

<!–

–>

economia, università analis e apprendimento

tesina6

Processi di crescita dei sistemi economici

È stato in parte pensato anche a Lucca il modello matematico pubblicato sul numero di dicembre della prestigiosa rivista della National Academy of Sciences degli Stati Uniti, capace di spiegare i processi di crescita dei sistemi economici e, quindi, di interpretarne e, forse, di prevederne le crisi.

continua

Infatti, tra gli autori dello studio, insieme ad un gruppo di fisici della Boston University e ad un economista dell’università di Trento, c’è Fabio Pammolli, direttore di Imt Alti Studi Lucca, il quale, contrariamente alle teorie statistiche ed economiche classiche, sostiene che i sistemi economici più grandi sono molto più instabili della somma di un numero elevato di sistemi di dimensioni inferiori. Come dire che i giganti delleconomia hanno una probabilità elevata di crollare, trascinando con se intere economie.


Università gratis Negli States, lha fondata unitaliano.

«Insegniamo arte, scienza, filosofia, marketing e legge. Lo facciamo gratis». Piero Golia è il fondatore della «The Mountain School of Arts» di Los Angeles, università a costo zero ideata con un suo amico, Eric Wesley.

continua

<!–

–>

laureati preparati

stor_11140333_57200

La cosa incredibile è che con tutti i difetti continuiamo a sfornare laureati preparati. Sono appena rientrato da Parigi e un collega, responsabile dei rapporti internazionali nella conferenza des Grandes Ecoles mi diceva che nellultimo concorso del CRNS – un centro di ricerche come il nostro CNR – gli italiani hanno vinto e preso il posto ai francesi. La nostra università quindi è fondamentalmente sana: abbiamo un sacco di difetti, il nepotismo, le clientele, i finanziamenti scarsi, ma dentro cè gente che lavora.



Questo dice il professore Marco Pitzalis, professore associato di Sociologia presso Scienze della Formazione è tra i docenti più attivi e attenti dellateneo cagliaritano.


qui lintera intervista

<!–

–>

parco del cilento opinione

I sindaci del Parco del Cilento si propongono come unico intermediario per risolvere i problemi del Cilento, come unico tramite tra il Cilento e lumanità. Le associazioni non sono daccordo. I blogger e i cittadini del Parco ancora di meno.


 

<!–

–>

università Salerno: nuova piattaforma didattica a distanza

http://link.rai.it/x/vod/tgr/clip_neapolis/08mag/asx/200805221246-tgrd0pp-web_teacher.asx

A Salerno è stata lanciata sul mercato, in questi giorni,  la nuova versione del software   Intelligent Web Teacher, una piattaforma didattica a distanza, particolarmente innovativa per tecnologia e soluzioni metodologiche adottate, in grado di adeguarsi allo stile e alla capacità di apprendimento di chi la utilizza.

 

continua

 

<!–

–>

strategie di carta

Hescher_1Troppe strategie di carta é un bellissimo articolo pubblicato giorno 21 marzo sul corriere della sera.

E una intervista a Robert Kaplan uno dei massimi esperti di management e business.

Un bel cervello funzionante che ha spiegato (non a noi ma ai manager che gestiscono le maggiori imprese e multinazionali mondiali) come bisogna produrre convincere e vendere beni e servizi ai consumatori.

Nel suo intervento sostanzialmente il professore ci informa che molte delle strategie di vendita vengono solo descritte sulla carta e che non possono venire applicate vuoi perchè non sono comprese da chi le dovrebbe metterle in atto vuoi perchè impossibili o inapplicabili. Il suo consiglio é fermarsi con un dipendente e farsi spiegare la strategia che stanno applicando

Penso che qualche volta le strategie dei management sono particolarmente inapplicabili e siccome chi le ha ideate non accetta consigli …… beh, continuate voi….

<!–

–>