Personaggi cilentani Maria Pia Lorenzo

Personaggi cilentani: Maria Pia

tra i personaggi cilentani di spessore oggi ho l'onore di presentare Maria Pia Lorenzo.

Scrittrice, autrice, editrice e talent scout di vero talento.

Di professione è professoressa di italiano presso un Istituto superiore e mamma e nonna a tempo pieno.

Ma noi la conosciamo soprattutto come autrice di romanzi.

Il suo primo lavoro La signora della Penombra edito dalla casa editrice Delphia, ha vinto numero si premi a livello nazionale tra cui ricordiamo

Il romanzo ambientato in un paesino della Calabria Verbicaro durante le epidemie di colera del 1855 è una struggente storia d'amore.

ben costruita e ben ambientata.

Oggi Maria Pia ha scritto un nuovo racconto Il tempo nella bottiglia.

Attualmente sta partecipando all'iniziativa del Corriere della Sera io scrivo ovvero un laboratorio di scrittura.

Il romanzo è una affresco del Cilento e precisamente di Roscigno e il tema principale è sempre l'amore.

Se volete fare qualcosa per voi leggete il racconto e votatelo, (mi raccomando 5 stelle)

diffondetelo.

A volte la Terra dei Miti offre dei fiori particolari e belli, Maria Pia è uno di questi, sappiatelo cogliere.

Il tempo nella bottiglia Maria Pia Lorenzo

link per votare

<!–

–>

Annunci

Convergenze vitali

ciu

La vedete questa graziosa fanciulla è mia cugina.

Cosa ho fatto per avere una cugina così ovvero bella e brava: praticamente nulla.

Ma permettetemi di dirvi che mia cugina è stata selezionata per l’anno corrente a partecipare ad un programma di scambio internazionale presso  istituito dall Eisenhower fellowships.

Non sapete cosa é? Neanche io per la verità, ma mi sono informato qui

e ne ho ricavato questo:

Nel 1953, per festeggiare il primo compleanno del Presidente Dwight D. Eisenhower alla Casa Bianca, un gruppo di imprenditori Pennsylvania ha istituito un programma di scambio internazionale leader per onorare la devozione Ike alla pace nel mondo. Guidati da Thomas B. McCabe, un industriale ed ex presidente della Federal Reserve, hanno creato un privato, non-profit, non-partisan, governato da un Consiglio di Amministrazione i cui membri incluso presidenti di IBM, BF Goodrich, Presidente di GE, governatore, gli Stati Uniti di gabinetto, delegato Usa alle Nazioni Unite e 7 presidenti di università o college. Dieci anni dopo, il presidente ha descritto il programma come "forse il compleanno più splendido regalo che abbia mai ricevuto".

 

Le borse Eisenhower differivano dagli attuali borse di studio internazionali e programmi di scambio perché il Fellows, sia da oltremare e gli Stati Uniti, non erano studenti o docenti, ma i professionisti a metà carriera che aveva già raggiunto posizioni di leadership. Commissioni bi-nazionali all’estero nominato Front Door candidati provenienti da settori individuati dai rappresentanti paese come critica alle esigenze nazionali. Fellows International, accompagnato spesso da un coniuge, perseguito itinerari esteso in tutti gli Stati Uniti, volta a comprendere non solo le riunioni con i loro coetanei esperienze professionali, ma anche sociale e culturale, per offrire un quadro del paese. I borsisti americani viaggiato all’estero, a volte per quasi un anno.

 

Attraverso più di 50 anni borse di Eisenhower ha risposto ai cambiamenti epocali nel mondo, con l’adattabilità e intraprendenza, pur conservando i suoi valori fondamentali. Rimane fedele alla sua visione fondazione, offrendo un programma non di parte, sia il senso nazionale e internazionale, focalizzato sulla promozione della crescita dei leader provata, e sensibile alle esigenze e alle aspirazioni di ciascun individuo.

 

Cosa posso aggiungere auguri alla carissima cugina per gli sforzi fatti e per i risultati che

raggiungerà.

 

Che possano essere fruttuosi per il suo avvenire e perchè no anche per la nostra Beneamata

Italia.

 

maggiori informazioni

 

<!–

–>

la vita reale rispetto alle favole raccontate è un altra cosa

soldi

Prezzi, al Sud aumenti record con l’Euro. Maglia nera alla Calabria

– Studio della Cgia di Mestre: dal 2001 al marzo 2011 la media italiana di incremento dei prezzi è stata del 22,9%. la Calabria è la regione con gli aumenti più elevati (+29,2 %), ultimo posto per la Toscana (+20,2 %) Bortolussi: ”Ma vivere al Nord è molto più costoso che nel Mezzogiorno”. Commercio, vendite in stallo a febbraio. Male gli ipermercati, bene i discount.

– L’introduzione dell’euro ha fatto aumentare i prezzi soprattutto al Sud. Se, dal 2001 al marzo 2011, la media italiana di incremento dei prezzi è stata del 22,9%, la Calabria è la regione che ha subito l’aumento più elevato: +29,2 %. Seguono la Campania, con il +28,2 %, la Sicilia, con il +25,1 % e la Puglia, con il +24,6 %. In coda alla classifica, invece, troviamo il Molise (+20,6%), il Veneto (+20,5%) e, all’ultimo posto, la Toscana (+20,2 %). E’ quanto rileva uno studio della Cgia, ‘associazione degli artigiani di Mestre.

”La maggior crescita dell’inflazione – spiega Giuseppe Bortolussi segretario della Cgia Mestre – non deve essere confusa con il costo della vita. Vivere al Nord è molto più costoso che nel Mezzogiorno. Altra cosa, invece, e’ analizzare la dinamica inflattiva registrata in un determinato lasso di tempo. Certo, l’euro ha le sue responsabilità, ma riteniamo che la forte impennata registrata al Sud sia legata alla base di partenza dei prezzi che, nel 2001, era molto più bassa nel Mezzogiorno rispetto a quella registrata nel resto del Paese”.

A segnare i rincari maggiori sono state innanzitutto le bevande alcoliche ed i tabacchi. A livello nazionale la crescita è stata del + 54,2%. Altrettanto significativo l’aumento registrato dai costi per la manutenzione della casa e le tariffe dell’acqua e dell’elettricità (+33,6%). Di rilievo anche i rincari registrati nei trasporti (+ 32,6%) e per i prodotti per la cura della persona, le assicurazioni e i servizi finanziari (+31,9%)”.

info

Mutui, la Caritas lancia l’allarme. In difficoltà una famiglia su quattro

L’osservatorio sul credito promosso dall’associazione benefica registra i problemi delle famiglie a pagare il mutuo e le utenze per la casa. E con l’aumento dei tassi la situazione è destinata a peggiorare

Il peso del mutuo è sempre più difficile da sostenere per le famiglie italiane, e sempre più numerose sono quelle che confessano di avere difficoltà a pagare la rata mensile. L’allarme lo lancia questa volta l’osservatorio regionale sul costo del credito promosso dalla Caritas Italiana, in collaborazione con la Fondazione Culturale Responsabilità Etica e il Centro Culturale Francesco Luigi Ferrari. Dallo studio emerge come una famiglia su due si vede costretta a investire circa un terzo del suo reddito nelle spese per la casa, comprensive di affitto, mutuo e bollette di gas e luce. Guardando al prossimo futuro inoltre, la situazione sembra destinata a peggiorare ulteriormente: nel periodo dal 2007 al 2010 l’incidenza della rata del mutuo sui risparmi familiari è calata grazie alla riduzione dei tassi di interesse. Il recente aumento del costo del denaro della Bce, tuttavia, causerà un aumento della rata dopo alcuni anni di tassi ai livelli minimi. Dal 23 percento di famiglie “a rischio”, nel 2011 si tornerà quindi al 25 percento già registrato nel 2007.

I nuclei familiari che potranno avere maggiori difficoltà sono, senza troppe sorprese, le famiglie mononucleari e quelle composte da un adulto e da uno o più figli, con un’età inferiore ai 34 anni, in cui il genitore è lavoratore autonomo oppure senza un’occupazione.

Per quanto riguarda invece la distribuzione geografica, i numeri forniti dalla Caritas identificano come più a rischio le famiglie che abitano in Liguria, Abruzzo, Molise, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna. Escludendo le regioni colpite dal terremoto come l’Abruzzo e, in parte, il Molise, sono un po’ sorpresa le zone del nord più produttive a registrare un netto peggioramento della situazione economica.

La situazione è ancora peggiore tuttavia per le famiglie che vivono in affitto, che soffriranno della combinazione tra il peggioramento delle condizioni economiche e l’aumento dei tassi di interesse. Secondo la Caritas la percentuale di famiglie a rischio tra quelle in affitto oscilla tra il 67 e il 68 percento, valori quasi tripli rispetto alle famiglie proprietarie di un’abitazione.

Info

<!–

<rdf:Description rdf:about=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/24477540&#8243;
dc:identifier=”http://nunziodigitale.splinder.com/post/24477540&#8243;
dc:title=”la vita reale rispetto alle favole raccontate è unaltra cosa”
dc:subject=”commenti, blogsfera, commento, emergenze, bolla virtuale, blog cilentano, economia – articoli”
trackback:ping=”http://www.splinder.com/trackback/24477540&#8243; />

–>

Vallo comunali 2011

Ecco i candidati per le elezioni comunali del comune di Vallo della Lucania:

Candidato sindaco Antonio Aloia – Lista LeAli per Vallo: Marcello Ametrano, Michele Antonio Barbato, Antonietta Coraggio, Mauro D'Amato, Donata Femia, Antonio Laurito, Francesco Maiese, Pietro Miraldi, Attilio Molinaro, Carmine Oricchio, Angelo Palladino, Celestino Sansone.

 

Candidato sindaco Emilio Romaniello – Lista Grande Vallo: Nicola Botti, Antonio Bruno, Bartolo De Vita, Carmine Elia, Mario Fariello, Piero Matonte, Pantaleo Mautone, Angelo Raffaele Musto, Vincenzo Passaro, Maurizio Puglisi, Maria Rizzo, Aurelio Sica.

 

Candidato sindaco Giovanni De Vita – Lista Noi Sud: Pasquale D'Acquisto, Roberto De Vita, Rolando Dura, Sandro Marotta, Elvezio Mastrogiovanni, Giuliano Parente, Massimo Polisetti, Alfonso Positano, Mario Soldovieri, Gennaro Stifano.

 

<!–

–>

la realtà non la devi vedere con i sensi ma con il pensiero

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

 

Si è svolta sabato 2 aprile, presso la Fondazione Alario per Elea-Velia ad Ascea, una conferenza d’autore curata dal prof. Giovanni Reale, docente all’Università San Raffaele di Milano, su “Parmenide e la svolta epocale del pensiero occidentale”.
La conferenza ha rappresentato l’ultima tappa del ciclo filosofico “Le capitali del pensiero antico nell’Italia meridionale”, un progetto ideato dal prof. Remo Bodei, docente di filosofia all’UCLA di Los Angeles, e organizzato dalla Fondazione culturale genovese Edoardo Garrone. L’iniziativa ha visto coinvolte alcune città della Magna Grecia, legate ad alcuni fra i pensatori più notevoli dell’antichità, tra cui appunto Ascea, patria di Parmenide. Alla conferenza hanno partecipato il prof. Pasquale Persico, presidente della Fondazione Alario, il dr Stefano Termanini, in qualità di rappresentante della Fondazione Garrone, e il dr Mario Rizzo, sindaco di Ascea.

 

La novità più grande della filosofia del pensatore di Elea, spiega il prof. Reale, è riassumibile nella famosa legge “l’essere è e non può non essere, il non essere non è e non può essere”: non esiste passato, né futuro, ma tutto è essere e il divenire scompare! Di conseguenza, non può esserci il nascere, né il morire: “nascita e morte sono cacciate lontane e respinte dalla via della certezza”… Noi siamo nell’essere e “le cose che appaiono bisogna che siano tutte in ogni senso”!

 

Da qui, lo stesso è il pensare e l’essere: il non pensare non è il pensare il nulla, ma qualche cosa che è… L’essere è il pensare!


maggiori informazioni

 

ne abbiamo già parlato

qui

qui

<!–

–>

Vallo della lucania artista del web nel guinness dei primati

roby

p { margin-bottom: 0.21cm; }a:link { }

E’ un artista e blogger, è un utente di Facebook ed è della provincia di Salerno. Fin qui tutto normale. In realtà, Roberto Esposito è molto di più. Da pochi giorni, infatti, il venticinquenne cilentano ha battuto il record mondiale di commenti ad un singolo post sulla sua pagina Facebook. Il primato è stato finora detenuto dal gioco Cityville con 292.288 commenti, ma Roberto è riuscito ad ottenerne ben 389.141.

 

maggiori informazioni

sito del blogger

 

http://www.robertoesposito.com/2011/03/comunicato-stampa-30032011/

<!–

–>